Feminist Knowledge. Metropolitan Cartography and Remote Sensing Digital Spatial Analysis come risorse open-access nella società multiculturale futura
23 apr  dalle 16:00  alle 16:45
Scuola secondaria di 2° grado, Università

Feminist Knowledge. Metropolitan Cartography and Remote Sensing Digital Spatial Analysis come risorse open-access nella società multiculturale futura

In collaborazione con Politecnico di Milano – Campus Piacenza_MSLab

People STEM&Digital

La proposta di dialogo si concentra sulla contestualizzazione delle informazioni digitali dei nuovi paesaggi metropolitani in transizione attraverso strumenti tecnologici.
L'obiettivo è quello di fornire una sintesi della conoscenza vivida dello spazio fisico attraverso una nuova percezione spazio-temporale del contesto metropolitano secondo gli strumenti di conoscenza femminile mediante l'approccio spatial image-learning. 


Attualmente, i processi di metropolizzazione sono celebrati come scambi di energia potenziale, nei campi di azione economica e politica, e possibili spazi di accesso ai benefici sociali e commerciali per le donne metropolitane. 
Tuttavia, nello stereotipo della Metropoli come generatrice di ricchezza e benessere, la questione del genere e della prosperità urbana in Educazione, Formazione e Capitale Umano verso una nuova Leadership, è stata evidenziata nel State of Women in Cities di UN-Habitat solo nel 2013.
Il Dialogo propone di indagare sulle soluzioni spaziali sostenibili inclusive alle diverse scale, attraverso prospettive interdisciplinari di esperte provenienti dal mondo accademico, dall'ambiente professionale e dalla società civile.
Lo scopo è quello di scoprire come sia possibile sviluppare e migliorare la conoscenza per l'azione e l'educazione, la capacità di gestione territoriale considerando le strategie dei progetti metropolitani che includano: ambiente, società, Green-Economy e governance, mediante la prospettiva di donne professioniste e ricercatrici.
Considerando gli attuali e futuri scenari di rischio socio-ambientale, i manager della città metropolitana dovrebbero concentrarsi sul miglioramento delle corrette scelte di localizzazione e sulla diffusione dei principi base sulle condizioni di sicurezza dell'ambiente costruito e naturale: la mitigazione dei rischi naturali e antropici legati alle dinamiche di sviluppo sarà una delle sfide più importanti nei prossimi anni.
Utilizzare la tecnologia e gli strumenti digitali significa raccogliere dati altamente specializzati in un sistema WebGis open-source. Sono necessarie mappe appropriate e accurate, insieme a database strutturati, che sono cruciali per comprendere le esigenze specifiche di strategie complesse in progetti architettonici/urbani alla scala locale.
La Metropolitan Cartography e il Remote Sensing, come strumenti di analisi spaziale digitale, sono indispensabili per affrontare il problema imminente della gestione e della progettazione di nuovi spazi metropolitani al fine di intendere quali sono le condizioni imprescindibili per lo sviluppo dell'intelligenza metropolitana collettiva futura. Se la cartografia e l'uso della tecnologia sono noti nei processi di monitoraggio dell’esposizione al rischio ambientale e sociale, l'adozione e l'applicazione della tecnologia come forma di comunicazione nel lavoro delle donne, nel governo locale e nell'istruzione superiore è innovativa.
La discussione mira a esplorare le implicazioni dell'uso delle tecnologie per creare, modellare, interpolare informazioni come nuovi motori di conoscenza condivisa nel campo della progettazione urbana e architettonica.  In particolare, la Metropolitan Cartography è presentata come il metodo di ricerca digitale basato sul valore simbolico dell’immagine cartografica attraverso il quale il valore delle tecnologie è connesso al potere delle mappe che permette di ragionare sulla nuova qualità dello spazio cittadino e sul rinnovato senso di appartenenza delle donne protagoniste del Paesaggio Metropolitano.

Iscriviti, clicca qui 

Guarda l'evento

Feminist Knowledge. Metropolitan Cartography and Remote Sensing Digital Spatial Analysis come risorse open-access nella società multiculturale futura
Il Mese delle STEM